WIF - La Community Italiana di The Battle for Wesnoth

Wesnoth Italian Forum
La Community Italiana di The Battle for Wesnoth uno dei migliori giochi multiplayer online gratis open source, a turni di ambientazione fantasy. Iscriviti a wifper partecipare ai tornei online, allo sviluppo di nuove estensioni (campagne, mappe, ere, scenari, fazioni) e a tutte le iniziative di w.i.f. per questo meraviglioso gioco strategia . Giocare gratis on line non è mai stato più facile.

Se stai cercando giochi multiplayer online, giochi di strategia, giochi a turni, giochi open source, giochi gratuiti o giochi fantasy, vieni a giocare online in multiplayer con noi! Questo è il forum che cercavi.
20 Giugno 2018, 17:51:04 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
 Notizia
VENITE A TROVARCI NELLA CHAT DI W.I.F.
- per organizzare partite ed incontri Ghigno  -
Ti aspettiamo!
Ricerca avanzata  
Pagine: [1] 2 3   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: Una "Nuova" razza da tradurre  (Letto 811 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Antro
Veterano delle Grandi Guerre
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 62



« inserita:: 17 Aprile 2018, 20:05:46 »

Ciao amici

Forse qualcuno avrà già notato che nella prossima release le unità desertiche vengono sdoganate a tutti gli effetti, e questo porta un sacco di nuove cose da tradurre. Iniziamo dal nome della razza: Dunefolk

Letteralmente, popolo del deserto. Non mi soddisfa, troppo arido e secco... e poi tutte le unità (come vedremo più avanti..., o come potete vedere qui) hanno come nome "Dune xxx", quindi diventerebbero tutte "del deserto, desertico, delle sabbie," etc. etc. Personalmente non mi piace per niente...

Ad oggi, gli unici che hanno tradotto sono gli spagnoli ( anche i cinesi... ma sono oltre le mie capacità di comprensione...) che hanno tradotto "Dune" con "Barján": un nome che deriva dal russo/kazaco бархан [Barhan] che denomina una forma di duna. Lo abbiamo anche in italiano: barcana, però non mi dice molto: Soldato Barcana, saccheggiatore barcana... bah... meglio del deserto, ma ancora non soddisfacente.

Da buon amante della fantascienza, la parola "Dune" non può che farmi tornare in mente il ciclo di Dune  del grande Frank Herbert. E qui si accendono subito le scintille: il vero nome del pianeta Dune è Arrakis,  Fante Arrakis, Guerriero Arrakis già inizia a stuzzicarmi... Andando però oltre, il pianeta arrakis, interamente desertico, ha una popolazione autoctona: i Fremen, e qui iniziamo ad trovare soddisfazione. Chiamare però una razza Fremen ha delle implicazioni non indifferenti, perchè i fremen hanno una collocazione spaziale e narrativa ben definita nel panorama della fantasy/fantascienza: l'azzardo è notevole, secondo me....

Scorrendo però la pagina wikipedia dei fremen che ho linkato qui sopra, c'è l'opzione che mi stuzzica di più: I Fremen sono descritti come discendenti degli Zensunni, nomadi interstellari seguaci di una particolare filosofia, che subirono una diaspora che li ha portati a errare di pianeta in pianeta fino a giungere su Arrakis, unici a sopravvivere sull'inospitale pianeta grazie alla rigida disciplina interiore propria della loro filosofia.  Addestrati alla guerriglia fin da bambini, sono considerati tra i migliori combattenti dell'universo, gli unici capaci di tenere testa perfino ai feroci Sardaukar dell'Imperatore.

Zensunni: perchè non immaginare che questa nuova razza di abitanti del deserto di wesnoth non siano i progenitori dei fremen di Dune?
Zensunni... zensunni...

le unità (migliorabili) diventerebbero qualcosa come:

Dune Burner      Zensunni inceneritore (come i draghi)
Dune Scorcher      Zensunni torrido
Dune Firetrooper   Zensunni fante di fuoco

Dune Herbalist      Zensunni erborista
Dune Apothecary   Zensunni apotecario ( termine arcaico per farmacista)

Dune Piercer      Zensunni perforatore, perforante
Dune Raider      Zensunni saccheggiatore
Dune Marauder   Zensunni predone ( in harry potter, marauder map è la mappa del malandrino...)
Dune Sunderer      Zensunni scindere, lacerare
Dune Cataphract   Zensunni catafratto

Dune Rider      Zensunni cavalcatore
Dune Swiftrider   Zensunni cavalcatore veloce
Dune Windrider   Zensunni cavalcavento

Dune Rover      Zensunni errante
Dune Explorer      Zensunni esploratore (nani)
Dune Ranger      Zensunni ranger
Dune Skirmisher      Zensunni incursore (sauri)
Dune Harrier      Zensunni saccheggiatore

Dune Soldier      Zensunni soldato
Dune Spearguard      Zensunni lanciere
Dune Spearmaster   Zensunni maestro di lancia
Dune Swordsman      Zensunni Armigero (umani)
Dune Blademaster   Zensunni maestro di lame (draghi)

Dune Warmaster      maestro di guerra

A voi la parola per suggerimenti e commenti

Ciao
A





« Ultima modifica: 17 Aprile 2018, 20:25:35 da Antro » Registrato

Non conta quanto forte tu possa colpire, conta quanto riesci a resistere prima che sia il tuo turno.
- Conan, il barbaro
Nicodema
Maestro di Battaglia
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 369


GRRRRRRRRRRRRR


« Risposta #1 inserita:: 18 Aprile 2018, 06:59:55 »

La questione dei Dunefolk (già Khalifate) è annosa e controversa, già a partire dal loro inserimento nella release ufficiale, il nome è stato anche oggetto di sondaggi e votazioni sul sito ufficiale.

Naturalmente il tuo sforzo è da elogiare, ma ci sono alcune questioni che mi lasciano perplesso. Qualcuno certamente più competente di me interverrà di certo.

Quello che posso dirti io è che come politica in genere si tende a non usare nomi o altro che possano essere soggetti a copyright, o che provenga comunque da prodotti commerciali, come sembra essere questo il caso.

Inoltre, ma questa è una considerazione personale, non è che mi faccia impazzire l'idea che il nome di una civiltà fantasy prenda spunto dalla letteratura o cinematografia di fantascienza. Aggiungo poi che, al di là che possa piacere o meno il suono o l'idea della parola Zensunni, rimarebbe comunque un termine privo di immediata comprensione (io personalmente conosco solo per sentito dire il film Dune e quindi per me Zensunni non avrebbe alcun significato).

Spero che questa sia presa esclusivamente come critica costruttiva e non distruttiva.

Ciao ciao
Registrato
Xalzar
Eroe del Reame
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1535


Il Lucertolino


« Risposta #2 inserita:: 18 Aprile 2018, 08:58:13 »

Concordo con Nicodema: personalmente non conosco la fonte di ispirazione per i nomi proposti e quindi per me non hanno alcun significato e posso solo valutarne la sonorità.
Ma quel che è certo è che questi nomi non verranno mai accettati in mainline (nemmeno gli UMC pubblicati si salvano).

Temo che se si vuole evitare di chiamare i Dunefolk "Popolo delle Dune" (e le relative unità "X delle dune" - è come tradurrei io) bisogna trovare un'altra soluzione.
Sinceramente questa soluzione letterale non mi dispiace, ma posso capire che qualcuno possa preferire altro.
Registrato
zepko
Maestro di Battaglia
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 305



« Risposta #3 inserita:: 18 Aprile 2018, 10:27:46 »

Sono d'accordo con gli altri. Per me (ed evidentemente non solo per me), sarebbe un nome privo di significato. Non dimentichiamo che le unità dei Dunefolk sono state recentemente rinominate, ed uno dei principali motivi è stato proprio quello che i nomi precedenti erano comprensibili solo da una minima percentuale dei giocatori e quindi effettivamente privi di significato per quasi tutti.

Senza contare che i Dunefolk sono umani, come dice la descrizione ufficiale che trovate qui e che riporto qui sotto. (EDIT: questa descrizione non lo dice, ma la decisione presa sul forum ufficiale è che siano umani, come ovvio che sia... probabilmente bisognerebbe reinserire la loro "umanità" anche nella descrizione, ma questo non riguarda il team di traduzione).
Citazione
An offshoot of a forgotten nomadic civilization, the Dunefolk lay claim to the river valleys and oases of the Sandy Wastes. How they came to inhabit this far corner of the Great Continent is unknown. Their legends tell of many long and perilous travels through far-flung lands, but the true origin of their people is a topic of endless and heated debate among even the most erudite of their scholars.
Whatever their origin, the Dunefolk have thrived. Bustling cities stand proudly in the largest fertile regions. Skilled artisans, fine smiths, and wealthy merchants form the backbone of the urban economy. Each of these cities also enjoys a degree of independence less common in the more centralized nations to the north, many even maintaining their own standing armies. In times of need, however, each and all rally to a higher authority designated to protect the superior interest of the nation.
Those who have not settled in these urban centers still adhere to the lifestyle of their ancestors, roaming the dunes and leading their herds from one watering hole to another. They are most active during the early hours of dawn and the onset of dusk, when the wastelands are neither too hot nor too cold. Their skill at moving through the sands is excellent even by Dunefolk standards. Although sometimes regarded with contempt by their city counterparts, they provide an invaluable service as mobile, light troops in war, or as escorts for trading caravans during times of peace.
The Dunefolk's inclination towards trade and exploration has allowed their cities to amass immense fortunes, a fact regarded both with admiration and envy by other races. Mutual interests have fostered cordial relations with neighboring Naga tribes, but more secretive races such as Drakes and Elves have always considered Dunefolk expeditions to be too intrusive, especially when they venture close to territorial boundaries. It is not uncommon for caravans to fall prey to troll ambushes in the mountains, something that has given rise to countless tales of unimaginable treasure amassed in hidden caves.
As a result of living in hostile environments for centuries, the Dunefolk have developed rational methods of enquiry through which they continue to improve their understanding of the world. Their study of herbal medicine keeps their warriors and workers fresh and healthy. Their knowledge of alchemy allows them to tame fire and wield it as a deadly weapon in battle. At the same time, this analytical mindset has distanced them from magical arts; to the rational mind, magic is uncontrollable, unpredictable, and hence unreliable. For this reason, the Dunefolk especially loathe the perversions of necromancy and the dark arts, even more so than other races.
The Dunefolk's inquisitive and explorative nature does not preclude military strength. Not only do they field nimble light troops, cataphracts, and heavily armored infantry, but their keen knowledge of technology grants them a decisive advantage over their opponents. When facing the Dunefolk in battle, however, the most fearsome sight is certainly their deployment of ferocious and bizarre beasts. From the majestic Roc to the imposing Wyvern, their synergy with these creatures allows for great versatility in combat. The origins of this tradition likely lie in the heritage of the Dunefolk's distant past in the exotic far corners of Irdya.
Pertanto non mi sembra proprio il caso di tirare in ballo una razza diversa (senza contare le problematiche di copyright che ti hanno segnalato qui e anche sul forum ufficiale).

Direi invece di partire dalla traduzione della descrizione qui sopra. Da qui possiamo senz'altro trarre spunti interessanti per le unità e anche per la fazione.

Personalmente, "Popolo delle Dune" mi piace, e non è indispensabile che tutte le unità condividano lo stesso suffisso. Ci possono essere unità che sono "del deserto", "delle dune", "delle sabbie"...
« Ultima modifica: 18 Aprile 2018, 10:35:09 da zepko » Registrato

Antro
Veterano delle Grandi Guerre
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 62



« Risposta #4 inserita:: 21 Aprile 2018, 14:03:35 »

Quello che posso dirti io è che come politica in genere si tende a non usare nomi o altro che possano essere soggetti a copyright, o che provenga comunque da prodotti commerciali, come sembra essere questo il caso.

Quindi va cambiato anche il nome originale del cavalcaossi, Chokobone, di chiara derivazione ed omaggio al Chokobo di Final Fantasy...  Occhiolino

Citazione
Spero che questa sia presa esclusivamente come critica costruttiva e non distruttiva.

Ci mancherebbe altro! Uno dei vantaggi del software libero è che avendo a disposizione il codice sorgente e le competenze, ognuno è libero di farsi la propria versione, come ad esempio il sottoscritto che quasi sicuramente giocherà con i Fremen... e se trovo la voglia mi trasformo anche gli orchi in Sardauker...

Comunque, al momento la migliore alternativa che mi viene in mente è "Zenshia", una sorta di alterazione di Zensunni, costruita con lo stesso meccanismo. Altrimenti si rimane su Dune ( Guerriero Dune, non guerriero delle dune, perchè è il nome di una razza, non una classificazione/descrizione... altrimenti sarebbe guerriero degli orchi, arciere degli elfi, etc. etc...)
Registrato

Non conta quanto forte tu possa colpire, conta quanto riesci a resistere prima che sia il tuo turno.
- Conan, il barbaro
zepko
Maestro di Battaglia
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 305



« Risposta #5 inserita:: 21 Aprile 2018, 17:42:23 »

Comunque, al momento la migliore alternativa che mi viene in mente è "Zenshia", una sorta di alterazione di Zensunni, costruita con lo stesso meccanismo. Altrimenti si rimane su Dune ( Guerriero Dune, non guerriero delle dune, perchè è il nome di una razza, non una classificazione/descrizione... altrimenti sarebbe guerriero degli orchi, arciere degli elfi, etc. etc...)
"Zenshia", per quanto forse libero da problemi di copyright (Google mi dice che è un negozio online di gioielli, o qualcosa del genere  Felice ), presenta lo stesso problema di incomprensibilità di "Zensunni". Allora tanto vale chiamarli di nuovo Khalifate... Anche Guerriero Dune non va bene, anche perché Dune non è la razza (che è umana), ma il popolo. Sono uomini che, anziché vivere nel regno di Wesnoth, vivono nei deserti del sud.
Io propendo per chiamarli "Popolo delle dune", e aggiungere alle singole unità un suffisso adeguato, anche diverso da una linea all'altra. Ad esempio: Esploratore del deserto, Guerriero delle sabbie, Erborista delle dune (per fare un esempio, ovviamente si possono anche scambiare).
Registrato

Antro
Veterano delle Grandi Guerre
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 62



« Risposta #6 inserita:: 21 Aprile 2018, 19:15:49 »

Anche Guerriero Dune non va bene, anche perché Dune non è la razza (che è umana), ma il popolo. Sono uomini che, anziché vivere nel regno di Wesnoth, vivono nei deserti del sud.

A me non sembra che la razza sia umana... forse provengono dagli umani, ma la razza ( e con "razza" intendo quello che in wesnoth è "Race") è proprio diversa... Possiamo forse dire/intendere che sono "umanoidi", che sono affini, ma gli "Humans" sono una razza diversa...
Oppure c'è da aggiornare l'albero delle razze e mettere i "Dunefolk" sotto gli "Humans" https://units.wesnoth.org/trunk/mainline/en_US/mainline.html
Citazione
Io propendo per chiamarli "Popolo delle dune", e aggiungere alle singole unità un suffisso adeguato, anche diverso da una linea all'altra. Ad esempio: Esploratore del deserto, Guerriero delle sabbie, Erborista delle dune (per fare un esempio, ovviamente si possono anche scambiare).

Popolo delle dune può anche essere una traduzione di "Dunefolk", ma le unità hanno tutte il prefisso "Dune", non "Sand", "Desert", "Dust" etc. etc. ... è proprio una razza che si chiama ... "Dune" e che in italiano non rende... Aggiungere i diversi prefissi/suffissi a mio modo snaturerebbe la connotazione della nuova razza. Aggiungerebbe varietà e piacevolezza ai nomi, concordo, ma avrebbe un obiettivo diverso, a mio modo di vedere. La varietà deriva proprio dal fatto che non c'è una razza. Elf warrior lo tradurresti "Guerriero delle foreste" se non esistesse la parola "Elfo" ? Direi proprio di no...

Senza contare che, per essere coerenti, allora Merfolk non dovrebbe essere tradotto con nereidi ma con qualcosa tipo Popolo dei mari e Wesfolk non sono wesnotiani ma Popolo di Wesnoth. Ma come ho già avuto modo di dire in altri contesti, anche la coerenza si può piegare alle esigenze di gioco/estetiche...

L'ideale sarebbe trovare un nome più significativo di "Dune" in partenza, ma questo è più pertinenza dell'altro forum, qui si discute della traduzione italiana
« Ultima modifica: 21 Aprile 2018, 19:17:24 da Antro » Registrato

Non conta quanto forte tu possa colpire, conta quanto riesci a resistere prima che sia il tuo turno.
- Conan, il barbaro
zepko
Maestro di Battaglia
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 305



« Risposta #7 inserita:: 22 Aprile 2018, 10:50:42 »

EDIT: Xalzar ha scritto cose molto simili quasi contemporaneamente  Occhiolino

A me non sembra che la razza sia umana... forse provengono dagli umani, ma la razza ( e con "razza" intendo quello che in wesnoth è "Race") è proprio diversa... Possiamo forse dire/intendere che sono "umanoidi", che sono affini, ma gli "Humans" sono una razza diversa...
Oppure c'è da aggiornare l'albero delle razze e mettere i "Dunefolk" sotto gli "Humans" https://units.wesnoth.org/trunk/mainline/en_US/mainline.html
Probabilmente non hai seguito il processo di aggiornamento dei nomi dei Dunefolk (e non ti biasimo, visto che la discussione, che trovi qui, ha diverse centinaia di post). In ogni caso, io ho partecipato, e una delle conclusioni è stata che i Dunefolk sono umani. Sulla loro origine non ci si è sbilanciati, ma le idee più gettonate sono che siano venuti, in qualche modo, in tempi più o meno remoti dal Vecchio Continente (da cui proviene la razza umana). Tra l'altro, il fatto che siano umani è anche riflesso chiaramente nel gioco, nel pannello laterale. Come vedi nell'allegato, tutte le unità sono indicate come "Dunefolk Human". Quello che in Wesnoth si chiama "race" è sì diverso, ma va inteso come umani di etnia diversa, non come una specie completamente diversa come può essere un Elfo o un Orco.
[ Allegato: Non sei abilitato a vedere gli allegati ]

Popolo delle dune può anche essere una traduzione di "Dunefolk", ma le unità hanno tutte il prefisso "Dune", non "Sand", "Desert", "Dust" etc. etc. ... è proprio una razza che si chiama ... "Dune" e che in italiano non rende... Aggiungere i diversi prefissi/suffissi a mio modo snaturerebbe la connotazione della nuova razza. Aggiungerebbe varietà e piacevolezza ai nomi, concordo, ma avrebbe un obiettivo diverso, a mio modo di vedere. La varietà deriva proprio dal fatto che non c'è una razza. Elf warrior lo tradurresti "Guerriero delle foreste" se non esistesse la parola "Elfo" ? Direi proprio di no...
Le unità hanno prefisso "Dune" per riflettere la loro connotazione di abitanti di un certo ambiente. Aggiungo anche che tutti i nomi delle unità sono scritti da una prospettiva degli uomini di Wesnoth (che infatti sono gli unici senza il suffisso "umano" o "uomo"). Dubito che un Elfo Arciere si riferirebbe a se stesso come "Io sono un Elfo Arciere", quanto piuttosto come "Io sono un Arciere". Che sia un Elfo è implicito. Allo stesso modo, credo che si riferirebbe ad un Arciere umano come "Lui è un Arciere umano", o "Lui è un Arciere di Wesnoth". Infatti, per l'Elfo, un Arciere sarebbe implicitamente l'Elfo Arciere.

Visto che i nomi sono implicitamente intesi dal punto di vista di Wesnoth, ci sta che, vedendo uomini di una diversa etnia che vivono nel deserto o tra le dune, questi ultimi vengano chiamati "Combattente del deserto" e simili, mentre il popolo potrebbe essere tranquillamente chiamato come "Popolo delle dune" o "del deserto" (con "dune" o "deserto" nomi comuni, non propri).

Per venire al tuo esempio, sempre vedendo i nomi dal punto di vista di Wesnoth, "Guerriero delle foreste" non lo userei certo per un elfo, ma sarebbe ottimo per un uomo, magari di diversa etnia ("race" nel gioco), la cui popolazione si è evoluta nei secoli per popolare le foreste.

Senza contare che, per essere coerenti, allora Merfolk non dovrebbe essere tradotto con nereidi ma con qualcosa tipo Popolo dei mari e Wesfolk non sono wesnotiani ma Popolo di Wesnoth. Ma come ho già avuto modo di dire in altri contesti, anche la coerenza si può piegare alle esigenze di gioco/estetiche...
Su questo sono d'accordo con te. Nereidi secondo me sta bene com'è. Non significa che non si possa optare per una traduzione più letterale per un'altra "razza".

L'ideale sarebbe trovare un nome più significativo di "Dune" in partenza, ma questo è più pertinenza dell'altro forum, qui si discute della traduzione italiana
Ribadisco ancora che "Dune" non va inteso come nome proprio di una nazione o di una razza, quanto piuttosto come un attributo di questo popolo.
« Ultima modifica: 22 Aprile 2018, 10:58:57 da zepko » Registrato

Xalzar
Eroe del Reame
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1535


Il Lucertolino


« Risposta #8 inserita:: 22 Aprile 2018, 10:53:17 »

EDIT: ovviamente sono stato "ninjato" da Zepko... Pianto Ma giusto per completezza lascio comunque il mio post originale.

Permettimi di chiarire alcuni punti che sembrano confusi...

A me non sembra che la razza sia umana... forse provengono dagli umani, ma la razza ( e con "razza" intendo quello che in wesnoth è "Race") è proprio diversa... Possiamo forse dire/intendere che sono "umanoidi", che sono affini, ma gli "Humans" sono una razza diversa...
Oppure c'è da aggiornare l'albero delle razze e mettere i "Dunefolk" sotto gli "Humans"
Popolo delle dune può anche essere una traduzione di "Dunefolk", ma le unità hanno tutte il prefisso "Dune", non "Sand", "Desert", "Dust" etc. etc. ... è proprio una razza che si chiama ... "Dune" e che in italiano non rende... Aggiungere i diversi prefissi/suffissi a mio modo snaturerebbe la connotazione della nuova razza.

Ho seguito con molta attenzione il percorso di ridenominazione della fazione, e alcuni utenti del forum internazionale avevano sì espresso la proposta di rendere i Dunefolk non umani (per ragioni che adesso non serve spiegare): risultato, sono rimasti minoranza e alla fine è passata la linea di tenerli umani - con origine non meglio definita in quanto le opinioni degli utenti erano varie e differenti e perché questi aspetti sono comunque meglio esplorabili in campagne.

Inoltre, non va tenuta in alcun conto la divisione all'interno dell'albero delle razze o delle pagine di aiuto in-game.
Il motivo è presto detto: la divisione tra gli Umani classici e i Dunefolk serve solamente per due motivi:
1) per avere due liste di nomi di persona diversi: gli Umani classici hanno nomi che sembrano talvolta gallesi (urgh), i Dunefolk hanno nomi tipicamente arabi.
2) per avere una descrizione della fazione separata: già la descrizione degli Umani classici è enorme e non copre nemmeno tutte le declinazioni delle civiltà originatesi da questa razza, se poi ci aggiungiamo anche i Dunefolk all'interno viene fuori un marasma!  Scioccato
Nella realtà della "lore", Umani e Dunefolk sono appartenenti alla stessa razza, ma le due popolazioni si sono divise ad un certo punto nel passato, per incrociare poi i propri destini solo dopo vari secoli - presumo, questo aspetto è globalmente accettato ma volutamente vago.

Infine, "Dune" non è la razza. Si traduce letteralmente con "delle dune". Non ci sono dubbi a riguardo. Se poi si vuole cambiare perché non piace, è un altro discorso.
Il nome della razza è "umani". Il nome della civiltà è "Dunefolk" (probabilmente è un nome assegnato dagli umani di Wesnoth e loro si chiamano tra loro in altro modo).

Sono invece d'accordo nel dire che è meglio rimanere consistenti con la traduzione dei nomi delle unità - specialmente vista la consistenza dei nomi originali (perché creare disordine dall'ordine?).

Senza contare che, per essere coerenti, allora Merfolk non dovrebbe essere tradotto con nereidi ma con qualcosa tipo Popolo dei mari e Wesfolk non sono wesnotiani ma Popolo di Wesnoth. Ma come ho già avuto modo di dire in altri contesti, anche la coerenza si può piegare alle esigenze di gioco/estetiche...

Non è necessario essere letterali. Se si trovano termini adeguati e migliori ben venga, come nel caso dei Nereidi.
Il secondo esempio è sbagliato perché i Wesfolk non sono Wesnothiani.
Per chiarire: i Wesfolk sono umani migrati nell'Isola Verde assieme ai loro Signori Lich, hanno combattuto contro gli Islefolk - umani migrati in precedenza sull'isola stessa - e alla fine sono in parte morti durante l'invasione degli Orchi, in parte sono stati rianimati come Non-Morti al servizio di Jevyan, in parte si sono alleati con Haldric e sono fuggiti nel Grande Continente. Alla fine Wesfolk e Islefolk si sono mescolati nel nuovo regno di Wesnoth. Dopo un paio di secoli, probabilmente sono pochi i Wesfolk purosangue.

Ricapitolando: tornando al nostro caso, se si riuscisse a trovare un nome alternativo a "Popolo delle Dune" (che pure mi piace) e che sia incisivo come "Nereidi", sarebbe perfetto.  Sorriso
Registrato
Nobun
Moderatore Globale e Vincitore Torneo di Singolare 2011
*
Scollegato Scollegato

Messaggi: 714


Negromante elementale del Vento


« Risposta #9 inserita:: 22 Aprile 2018, 22:49:27 »

Citazione
A me non sembra che la razza sia umana... forse provengono dagli umani, ma la razza ( e con "razza" intendo quello che in wesnoth è "Race") è proprio diversa... Possiamo forse dire/intendere che sono "umanoidi", che sono affini, ma gli "Humans" sono una razza diversa...
Oppure c'è da aggiornare l'albero delle razze e mettere i "Dunefolk" sotto gli "Humans" https://units.wesnoth.org/trunk/mainline/en_US/mainline.html
Non confondiamo i piani. I Dunefolk sono umani (non sono umanoidi. Non mi risulta ci sia nulla che nella descrizione dei Dunefolk porti a far ritenere che i dunefolk siano umanoidi e non umani): il fatto che a livello di codice sorgenti siano catalogati come altra 'razza' è legata semplicemente al fatto che vi era l'esigenza di definire una diversa configurazione dei punti movimento e difese terreno (trattandosi di popolazione desertica) che non si poteva definire in altro modo se non introducendo un identificativo a cui ricondurre questo nuovo settaggio. Infatti, per consentire di definire una diversa definizione dei vantaggi e del costo in punti movimento per il terreno desertico era assolutamente necessario definire un identificativo diverso da quelli già esistenti (ivi compreso 'human') a cui ricondurre questo diverso tipo di movimento. La dizione 'humans' è stata usata per definire un costo movimento alto e basse difese per la sabbia, cosa che non avrebbe senso per i dunefolk.
Allo stesso tempo non è possibile definire il tipo di movimento direttamente nel tipo di unità, proprio per la struttura del codice. Quindi l'aver dovuto far figurare come 'razza' i dunefolk è stata dettata unicamente da ragioni legate alla struttura di codice e all'interpretazione dei dati relativi ai punti movimento e alle difese terreno per tutte le unità dei Dunefolk (che, essendo popolazioni del deserto, non avrebbe senso che fossero penalizzate dal terreno desertico, essendo questo la loro "casa").

Secondo me cercare traduzioni troppo elaborate rischia di essere fuorviante e di contravvenire a quell apprezzabile spirito di rendere immediatamente intelleggibili quelle unità che prima avevano nomi assolutamente incomprensibili, e che suonavano, anche all'ascolto, completamente decontestualizzate dal resto del mondo wesnoth. Ora si rischia di re-introdurre questo aspetto nella versione tradotta in Italiano.
« Ultima modifica: 22 Aprile 2018, 23:02:58 da Nobun » Registrato



A VOLTE ATTIVO, A VOLTE NO
Antro
Veterano delle Grandi Guerre
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 62



« Risposta #10 inserita:: 27 Aprile 2018, 19:50:43 »

Cosa ne pensate invece di Saraceni ?
Registrato

Non conta quanto forte tu possa colpire, conta quanto riesci a resistere prima che sia il tuo turno.
- Conan, il barbaro
Xalzar
Eroe del Reame
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1535


Il Lucertolino


« Risposta #11 inserita:: 28 Aprile 2018, 14:15:19 »

Cosa ne pensate invece di Saraceni ?

Se da un lato è un nome sufficientemente vago da non identificare una specifica popolazione in maniera corretta, credo che purtroppo sia stato da sempre usato - erroneamente - per denominare un gruppo di etnie reali e ben conosciute. Sarebbe come introdurre i "Galli" o gli "Ittiti" nel gioco: nomi vaghi, contenitori di popoli diversi ma con caratteristiche comuni.

Se vogliamo discostarci dalla traduzione letterale e trovare un nome che comunque "richiami qualcosa", le scelte non sono molte...
Ho fatto ricerche su nomi di popolazioni e luoghi mitologici, concentrandomi sulle tradizioni mediorientali, centro-asiatiche e nordafricane (ma non solo): compito arduo che mi ha portato a proporre alla vostra attenzione alcuni nomi:
Iram/Ubar "città d'ottone", "Atlantide del deserto", dalle "Mille e una notte": ha il vantaggio di dare un nome possibile "Ubariti", ha lo svantaggio di essere stata citata più volte nel Corano.  Indeciso
Lemuria: continente ipotizzato nel passato, che avrebbe unito India e Madagascar, poi utilizzato nella letterature come continente di fantasia principalmente. Svantaggio: ricorda troppo i lemuri, causa principe per l'invenzione di questo nome.  Triste
Ofir: questa città viene menzionata nella Bibbia, ma se non ho capito male è una citazione talmente minore che ci potrebbe stare.
Zerzura: città leggendaria nel deserto libico - è l'opzione migliore forse se vogliamo non avere troppi bagagli "religiosi" oppure "proto-scientifici".

Altra alternativa: ispirarci a "Le città invisibili" di Calvino.

Alternativa finale: ispirarci ai nomi canonici delle città dei Dunefolk. Svantaggio: non so quanto siano davvero consolidati questi nomi.

Io propendo al momento sempre per la traduzione letterale del nome della fazione, ma non volevo lasciare strade inesplorate.  Sorriso
Registrato
Argesilao
Maestro di Battaglia
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 205



« Risposta #12 inserita:: 28 Aprile 2018, 21:11:15 »

Riguardo all'uso di termini che facciano riferimento al mondo reale, noto che nella versione inglese esiste una unità dunefolk denominata Dune Aphotecary, che deriva da greco antico Aphoteke; quindi anche il termine saraceno, che a quanto ho scoperto ultimamente è difficile da collocare etimologicamente, potrebbe risultare valido, essendo storicamente di origine molto più vaga ed incerta del termine apotheke, che ha invece una sua collocazione storica molto precisa nel tempo e nello spazio.

Un'altra idea potrebbe essere definire i dunefolk in base alla peculiare caratteristica, di alcune loro unità, di essere limitanee; tipo: genti del crepuscolo o crepuscolari; ma forse suona troppo vampiresco  Ghigno

Infine si potrebbe considerare l'ipotesi di caratterizzarli per la loro posizione geografica relativa, cioè più meridionale, rispetto alle nazioni più note di Irdya; terra delle ombre corte potrebbe essere un modo per definire il loro territorio di provenienza se si preferisce evitare riferimenti al deserto.

Registrato

Quello che non ti uccide ti rende più menomato

Il caso non esiste, esiste solo l'inevitabile
(Yuko Ichihara)

Sai tu qual sia in questa nera valle la risultanza ed il premio di ogni sacrifizio umano? Calci nel deretano!
(Brancaleone da Norcia)
Nicodema
Maestro di Battaglia
****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 369


GRRRRRRRRRRRRR


« Risposta #13 inserita:: 29 Aprile 2018, 20:25:54 »

Riguardo all'uso di termini che facciano riferimento al mondo reale, noto che nella versione inglese esiste una unità dunefolk denominata Dune Aphotecary, che deriva da greco antico Aphoteke;

 Che?!? Mi ha incuriosito la tua citazione e ho cercato su internet, ma per quel che ho visto è un termine che si riferisce alla farmacia in senso lato, e nel gioco l'unità se non sbaglio ha abilità di guarigione. Viene solo ripresa l'etimilogia dal greco, cosa che accade con tantissime parole italiane con radice latina.

Io personalmente non vedo motivo di allontanarsi tanto dai nomi ufficiali inglesi, che si riferiscono volutamente ed esplicitamente al deserto, in modo da caratterizzare le unità rispetto al loro habitat e al terreno preferito.





Registrato
Bonta-Kun
Veterano delle Grandi Guerre
***
Scollegato Scollegato

Messaggi: 96


« Risposta #14 inserita:: 04 Maggio 2018, 22:32:52 »

Scusate se mi intrometto nella discussione, ma mi è balzata alla mente un'idea per il nome della fazione: potremmo chiamarli... Beduini!

... Che?!?

Scontato e banale, dite? Eppure di prove a sostegno di questa tesi (come si può vedere sul sito https://en.wikipedia.org/wiki/Bedouin) ce ne sono eccome:
  • Intanto, il termine "beduino" (dall'arabo badawi, pl. badawiyyin) significa "abitanti del deserto", e direi che ci può stare;
  • Sono una popolazione nomade, ma molti di loro sono diventati stanziali abbandonando il loro stile di vita precedente (un po' come nella citazione inserita da zepko);
  • Sono tradizionalmente dediti, tra le varie cose, anche ad occasionali saccheggi (e circa il 20% di queste unità sono razziatori, predoni e quant'altro): non di rado tali saccheggi potevano sfociare in massacri, quindi si può intuire che erano pure ben armati;
  • Infine, i cavalli delle unità non di fanteria non costituiscono un problema, dato che i beduini hanno storicamente allevato e selezionato la razza nota come "cavallo arabo".

Opinioni? Obiezioni? Orsù, non siate timidi!

Citazione
Ad oggi, gli unici che hanno tradotto sono gli spagnoli ( anche i cinesi... ma sono oltre le mie capacità di comprensione...)

Tranquillo, Antro: vengo in aiuto io! (L'avrò studiato per qualcosa, il cinese...)
Per prima cosa, tutte le unità iniziano coi caratteri 沙丘 shāqiū, che significano "dune sabbiose". La seconda parte del nome della fazione è 游民 yóumín, che significa "nomade, vagabondo": dunque, anche i cinesi parlano di 沙丘游民 come "Nomadi delle dune sabbiose".
Ed ecco di seguito le traduzioni indicative delle unità dei Dunefolk dal cinese all'italiano:

沙丘士兵  Soldato semplice (delle dune sabbiose) [siccome questa parte si ripete per tutte le unità, la tralascio]
沙丘剑士  Studente di spada
沙丘剑圣  Maestro di spada
沙丘矛卫  Difensore con lancia
沙丘矛圣  Maestro di lancia
沙丘战帅  Maestro/Signore della guerra
沙丘浪游者  Girovago
沙丘探险者  Esploratore
沙丘游侠  Cavaliere errante
沙丘散兵  Schermagliatore
沙丘侵掠者  Invasore/Aggressore*
沙丘灼烧者  Appiccafuoco
沙丘焦燃者  Ustionatore
沙丘狂炎兵  Incendiario/Piromane
沙丘穿刺骑  Lanciere a cavallo
沙丘劫掠骑  Saccheggiatore a cavallo
沙丘掠袭骑  Razziatore a cavallo
沙丘裂断骑  Distaccatore/Separatore
沙丘重甲骑兵  Cavaliere pesante
沙丘草药师  Erborista
沙丘药剂师  Farmacista
沙丘骑手  Cavallerizzo
沙丘迅骑  Cavalcatore veloce
沙丘风骑  Cavalcatore del vento

*Qui il cinese gioca un po' coi caratteri: nei dizionari è riportata la forma 侵略 qīnlüè, che significa "invadere". Questo carattere 掠, che si legge ugualmente lüè, è invece lo stesso che compare nella parola 掠夺 lüèduó, che significa "saccheggiare, predare, razziare".

Spero di avervi portato qualche spunto di riflessione: d'altronde, dopo tutto questo tempo, non potevo certo tornare a mani vuote! Ghigno
Registrato
Pagine: [1] 2 3   Vai su
  Stampa  
 
Vai a: