WIF - La Community Italiana di The Battle for Wesnoth

Wesnoth Italian Forum
La Community Italiana di The Battle for Wesnoth uno dei migliori giochi multiplayer online gratis open source, a turni di ambientazione fantasy. Iscriviti a wifper partecipare ai tornei online, allo sviluppo di nuove estensioni (campagne, mappe, ere, scenari, fazioni) e a tutte le iniziative di w.i.f. per questo meraviglioso gioco strategia . Giocare gratis on line non è mai stato più facile.

Se stai cercando giochi multiplayer online, giochi di strategia, giochi a turni, giochi open source, giochi gratuiti o giochi fantasy, vieni a giocare online in multiplayer con noi! Questo è il forum che cercavi.
22 Agosto 2017, 23:26:17 *
Benvenuto! Accedi o registrati.
Hai dimenticato l'e-mail di attivazione?

Accesso con nome utente, password e durata della sessione
 Notizia
VENITE A TROVARCI NELLA CHAT DI W.I.F.
- per organizzare partite ed incontri Ghigno  -
Ti aspettiamo!
Ricerca avanzata  
Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: Torneo 2015 Cronache delle Finali  (Letto 1071 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Dret
L'Occhio sopra di Voi!
Amministratore
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1288



« inserita:: 27 Agosto 2015, 19:12:52 »

Sono cominicate le finali del Torneo 2015.

Ricordo che per il primo posto si gioca al meglio delle tre partite!

PARTITA DI FINALE PER IL PRIMO E SECONDO POSTO

Luigit vs baro_st (gara 1)

A Luigit l'apertura delle danze con i bianchi, baro_in rosso. Gli spalti sono pieni, l'atmosfera carica.
I due si conoscono ormai da anni e subito comincia una lenta fase di studio mentre gli schieramenti prendono posizione sul campo. L'esperienza dei contendenti è visibile nella gestione dei portali: nessuna unità all'interno dei cerchi di pietra ma una discreta vigilanza a pochi esagoni di distanza. Al turno quattro tutto è ancora silente, ci si affida a collaudate e intense sessioni di spionaggio tramite unità volanti. Turno sei: è una guerra di logoramento; il centro mappa è affollato di unità; la tensione si taglia col coltello. Turno nove... si comincia... Luigit attacca sul vortice sud con uno stormo di unità volanti! Baro risponde prontamente e invia in prima linea il suo leader affiancato da due grifoni e due draghi per respingere l'invasione; mossa imitata a breve anche dal suo avversario.
Turno dieci: Luigit non è riuscito a sfondare le difese di baro_st e la situazione al momento vede le perdite in parità. I bianchi aprono anche il fronte terrestre nella zona meridionale ma anche questa azione si infrange contro il muro difensivo nemico. Luigit sembra perdere terreno ma al turno undici c'è la svolta: i rossi cedono sul fronte terrestre e gli attaccanti avanzano inesorabili con numerosi abbattimenti mentre riprende vigore anche la sortita sul vortice sud. Baro è costretto a controffensive su tutti i lati della mappa, riuscendo così a controllare la situazione, ma ora il suo avversario ha la supremazia territoriale e dei villaggi.
Ma le truppe rosse vendono cara la pelle e picchiano duro obbligando Luigt a un cambio tattica: si ritira dal portale a sud per riorganizzare le truppe facendo valere il vantaggio accumulato nei turni precedenti. Baro non deve più presidiare il portale e dispone ora di tre unità volanti per supportare una potenziale riscossa che si materializza sul fronte sud. L'avanzata dei bianchi è bruscamente interrotta e le truppe vengono ritirate entro i confini originali.
Ma Luigit ha i forzieri pieni d'oro ed è venuto il momento di arruolare nuove truppe. Al turno quindici arrivano tra le file dei bianchi ben quattro nuove unità e si riprende l'offensiva a tutto campo con nuovi abbattimenti e lo sfondamento sul vortice nord con unità marine.
Baro non molla e si avventa sulle unità nemiche rimaste scoperte a sud, portando a casa abbattimenti significativi ma esponendosi al resto del contingente avversario. Luigit non si fa attendere e colpisce vendicativo al turno seguente ma senza affondare il pugnale. Baro approfitta e con un colpo da maestro porta il leader sul vortice sud, mettendo a segno diversi abbattimenti che fruttano anche livellamenti importanti.
Per Luigit non sarà una passeggiata e dovrà conquistarsi esagono per esagono l'agognata vittoria.
Turno diciotto: il fronte sud cade nelle mani dei bianchi; ai rossi rimane la supremazia aerea e poco più. Ora Luigit avanza spedito verso la fortezza nemica, sbaragliando le ultime difese, ma la vittoria tattica arriva molto più rapida al turno ventesimo.
Bella partita (forse un tantino lentina!) da vedere assolutamente.
« Ultima modifica: 16 Settembre 2015, 22:34:42 da Dret » Registrato

Non fatevi prendere dal Panico!!
Ghigno
Dret
L'Occhio sopra di Voi!
Amministratore
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1288



« Risposta #1 inserita:: 14 Settembre 2015, 21:19:20 »

PARTITA  PER IL TERZO E QUARTO POSTO

Dorimen vs tupp

La fortuna assegna a tupp le insegne bianche e l'inizio delle operazioni. Gli eserciti cominciano a schierarsi; al turno quattro, tre dei vortici sono fortemente presidiati. Lo scontro inizia a turno successivo: tupp attacca a nord, dapprima sulla terraferma poi sul vortice, approfittando dello spazio libero lasciato dal suo avversario. L'incursione frutta alcuni abbattimenti e stringe in una morsa le unità rosse. Dorimen contrattacca cercando di divincolarsi dalla temibile stretta nemica; poi apre lo scontro a sud su tutti i fronti. Il vortice meridionale è ben presidiato dai bianchi che non si lasciano sorprendere dal nemico e anche le operazioni terrestri dei rossi non sembrano forzare la linea di difesa avversaria. Tupp cerca di approfittare del momento favorevole proseguendo l'attacco ma il turno sette vede Dorimen in rimonta col suo leader in prima linea e alcuni significativi abbattimenti portati a segno. I bianchi però non perdono la testa: portano a casa alcuni buoni colpi e si riorganizzano nelle retrovie. La partita è assolutamente incerta, se Dorimen sembra riuscito a sfondare sul vortice meridionale, tupp guadagna (seppur con fatica) la supremazia dei villaggi nel settentrione a cui si aggiunge il completo controllo del vortice nord. Al turno nove il colpo di scena: Dorimen penetra il territorio nemico, abbatte varie unità e piazza le sue avanguardie volanti sui villaggi accanto alla fortezza bianca. Tupp è ora tagliato fuori da ulteriori reclutamenti; il suo leader è infatti "fuori sede" a presidiare una delle sorgenti più lontane. Tupp non si arrende: continua la mattanza sul fronte nord e sbaraglia anche le ultime resistenze, ma deve nel frattempo tentare di riprendersi la fortezza ormai invasa dal nemico. La vittoria è appesa ad un filo; i bianchi sembrano dilagare sulla mappa ma i rossi stringono d'assedio il leader avversario, tornato nella sua dimora a reclamare il proprio trono. Sarà il turno dieci a decretare il successo di Dorimen con un leaderkill dopo un intenso scambio di colpi.
Partita effervescente, molto dinamica e alquanto imprevedibile!
Complimenti ad entrambi e bravo Dorimen che agguanta il terzo posto sul podio!
Registrato

Non fatevi prendere dal Panico!!
Ghigno
Dret
L'Occhio sopra di Voi!
Amministratore
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1288



« Risposta #2 inserita:: 16 Settembre 2015, 22:33:53 »

PARTITA DI FINALE PER IL PRIMO E SECONDO POSTO

Luigit vs baro_st (gara 2)

Ore 22.00 in punto, i contendenti sono di nuovo faccia a faccia per la seconda gara di finale. Il sorteggio è favorevole a baro_st che sceglie i vessilli bianchi e apre il confronto. Alla prima sessione di reclutamento baro si affida ad un gruppo eterogeneo di unità; luigit invece si caratterizza per una spiccata polarizzazione a favore di elfi e nani. Al turno due gli schieramenti sono pronti e i portali, ancora chiusi, presidiati con una malcelata discrezione già compromessa al round successivo. Baro piazza alcune unità a bloccare gli accessi ai portali e comincia la classica attività di spionaggio a mezzo aereo, con un assembramento imponente di volatili nella zona centrale. Luigit rimane distante dai vortici ma piazza unità marine a bloccare eventuali sortite verso le sorgenti lontane. Entrambi i contendenti lasciano nelle retrovie un buon numero di unità occultate alle attività di spionaggio aereo. Mentre gli spalti si fanno sempre più affollati di pubblico, arriviamo al turno cinque: baro ha creato un folto assembramento in zona centrale, subito imitato da luigit che aveva esordito precedentemente con uno schieramento più classico. E' in atto una vera e propria guerra di logoramento psicologico: al turno dieci i due ancora si studiano; l'aria è carica di tensione pronta a scoppiare da un momento all'altro. Al turno dodici baro sembra rompere gli indugi con un assembramento di unità sul vortice settentrionale che diverrà davvero imponente nel round successivo. Luigit si accorge della manovra e piazza una serie di unità a sbarrare l'eventuale sortita verso la sorgente di nord-est. Quando baro tenta il primo assalto si accorge del benvenuto preparato dalle truppe rosse e decide saggiamente di ripegare; tutto ricomincia daccapo!!!! Ci vorranno altri sei lunghi turni di rinnovata attività spinionistica e controspionistica prima che baro riprenda ad ammassare truppe sul vortice nord, quando, all'improvviso, Luigit rompe gli indugi e attacca la foresta a sud con un contingente numeroso ed agguerrito.
Baro non cambia strategia e apre il fronte nord con sette unità in assalto dal portale settentrionale, preparandone altrettante pronte a catapultarsi in territorio nemico. E' un vero tentativo di invasione di massa che costringe le armate rosse a dislocare in fretta truppe nelle retrovie per evitare la débâcle; ma intanto sul confine meridionale è Luigit a dettare legge con un assalto che decima le difese avversarie. Al turno venti baro_st sfodera la stoffa del campione e compie una temeraria sortita con unità volanti fino alla fortezza nemica, lasciata incustodita dal leader rosso impegnato in prima linea. Abbattute alcune unità, l'avanguardia bianca può ora tentare l'assalto alle sorgenti supportata anche dal contemporaneo attacco a tenaglia  sul fronte terrestre a nord. La reazione di Luigit è furiosa: approfitta degli spazi lasciati liberi dagli invasori per circondarli con i reparti delle retrovie poi abbatte due unità volanti e blocca l'avanzata sul portale nord. Ma non si ferma qui: a sud le truppe rosse sfondano letteralmente le linee nemiche prendendosi villaggio e foresta, preparandosi a travolgere tutto quello che incontrano.
La bilancia pende a sfavore di baro che non cambia strategia e tenta il tutto per tutto: scontro all'ultimo sangue su tutti i fronti con il leader a supporto delle prime linee in un tentativo di difesa estremo sul confine meridionale. Ma al termine dell'azione baro non riesce a coprire il suo mago argentato a sufficenza e Luigit approfitta della ghiotta occasione per infliggere un leaderkill al successivo ventunesimo turno!
Alle 2:10 della mattina la partita si conclude: Luigit si aggiudica il secondo scontro e si laurea per la terza volta campione di WIF!
Registrato

Non fatevi prendere dal Panico!!
Ghigno
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a: